News

01.10.2018 - Autorizzazione in deroga del prodotto Agrorat Grano 27

Con decreto 12/09/2018 il Ministero della Salute ha autorizzato l'impiego in deroga del prodotto Agrorat Grano 27 contenente il principio attivo Bromadiolone per la difesa da topi e arvicole nei nuovi impianti. L'autorizzazione è valida dal 01/10/2018 al 28/10/2018 e l'impiego durante questo periodo è ammesso anche nel Programma AGRIOS.

23.08.2018 - Deroga alle Direttive AGRIOS 2018

Su richiesta dell'AGRIOS il Direttore dell'Ufficio frutti-viticoltura con Decreto n. 16246/2018 del 23/08/2018 ha decretato la seguente deroga alle Direttive AGRIOS 2018:

Il principio attivo Etofenprox (Nome commerciale: Trebon up) può essere impiegato nella frutticoltura integrata per la lotta contro la cimice asiatica (Halyomorpha halys). In totale sono ammessi al massimo tre trattamenti all'anno con Etofenprox, di cui al massimo due in postfioritura. 

 

 

 

 

20.04.2018 - Ammissione di Sulfoxaflor nella Produzione Integrata

Su richiesta dell’AGRIOS il Direttore dell’Ufficio frutti-viticoltura con Decreto n. 7386/2018 del 20/04/2018 ha decretato il seguente aggiornamento delle Direttive AGRIOS 2018:

Il principio attivo Sulfoxaflor (Nome commerciale: Closer), appartenente al gruppo degli Cloronicotinili (Neonicotinoidi), dopo la fine fioritura può essere impiegato nella produzione integrata per la lotta contro l’afide grigio, l’afide verde, l’afide lanigero e la cocciniglia di San José.
Per l’impiego nella Produzione Integrata sono validi le limitazioni d’uso per i Cloronicotinili. Con principi attivi appartenenti a questo gruppo (Acetamiprid, Clothianidin, Imidacloprid, Sulfoxaflor e Thiametoxam) è ammesso al massimo un trattamento all’anno. Per la lotta contro il maggiolino, la cimice asiatica o la mosca della frutta è consentito al massimo un ulteriore trattamento con Acetamirid all’anno.
Il principio attivo Sulfoxaflor è pericoloso per le api e non deve essere impiegato durante la fioritura dei fruttiferi.
Closer può essere utilizzata con una dose massima di 400 ml/ha, il tempo di carenza è di 7 giorni.